Quali sono gli integratori di vitamina D?

Se volete conoscere quali sono gli integratori di vitamina D, siete nel posto giusto. Abbiamo compilato un elenco di alcune delle opzioni più popolari in circolazione, in modo che possiate decidere quale vitamina è più adatta a voi.

La vitamina D è una vitamina liposolubile che svolge un ruolo nel metabolismo dell’organismo. Aiuta l’organismo ad assorbire il calcio, necessario per la crescita e il mantenimento delle ossa. La vitamina D contribuisce anche allo sviluppo di denti sani e può aiutare a mantenere un sistema immunitario sano.

Continuate a leggere per sapere quando prendere gli integratori di vitamina D, della loro posologia e delle differenze fra la vitamina D2 e D3.

Quando prenderli?

Gli integratori di vitamina D sono disponibili da banco (senza prescrizione medica) presso le farmacie, le parafarmacie, i corner dei supermercati e i rivenditori online. Non vanno però presi a caso, ma ci sono delle motivazioni specifiche per decidere quando prenderli.

Il motivo per cui il vostro medico di base vi prescriverà un integratore, è la carenza di vitamina D confermata da specifiche analisi del sangue.

È opportuno rivolgersi al medico se presentate alcuni dei sintomi più comuni della carenza di vitamina D:

  • stanchezza e debolezza croniche;
  • dolori muscolari e ossei costanti;
  • indebolimento del sistema immunitario;
  • fragilità delle ossa, osteomalacia, osteoporosi e rachitismo;
  • aumento del rischio di infezioni;
  • ipertensione.

Dovreste assumere un integratore di vitamina D se non vi esponete abbastanza al sole. Pochissimi alimenti contengono naturalmente vitamina D, quindi è necessario assumerla da altre fonti. L’unico modo per ottenere la quantità di vitamina D raccomandata è attraverso i raggi UVB che vengono assorbiti dalla pelle quando si esce all’aperto per brevi periodi di tempo, ad esempio 10-15 minuti al giorno quando c’è ancora luce.

La vitamina D viene prodotta dalla pelle quando è esposta alla luce del sole; tuttavia, questo processo varia a seconda della tonalità della pelle, della posizione geografica e del periodo dell’anno.

Dovreste quindi parlare con il vostro medico della quantità di esposizione al sole che ricevete e del numero di giorni alla settimana che trascorrete al sole. Se la luce solare non è sufficiente o se fa troppo freddo per uscire senza cappotto, è particolarmente importante assumere un integratore di vitamina D. Lo stesso vale se ci si copre all’aperto o si indossa sempre la protezione solare.

È possibile ottenere la vitamina D anche da alcuni alimenti, come il pesce grasso o i prodotti fortificati come il latte o i cereali. Spesso però la quantità di questo nutriente assunto con la dieta non è sufficiente per garantire la dose giornaliera raccomandata né per colmare una carenza. Ecco che prendere integratori di vitamina D diventa indispensabile.

Integratori con D2 e D3

Per ottenere la quantità raccomandata di questa vitamina D è utile assumere integratori con D2 e D3.

Le principali forme di vitamina D disponibili negli integratori sono la vitamina D2, nota anche come ergocalciferolo, e la vitamina D3, nota anche come colecalciferolo. Le due forme hanno un effetto simile sull’organismo, ma provengono da fonti diverse: la vitamina D2 proviene dalle piante, mentre la vitamina D3 proviene dagli animali.

La vitamina D2 si trova in quantità molto piccole in alcuni alimenti, come alcuni tipi di funghi, inclusi champignon o prataioli. Può essere utilizzata anche per arricchire alimenti come latte, yogurt e cereali e può anche essere sintetizzata in laboratorio.

La vitamina D3 si trova naturalmente nei pesci grassi come il salmone, il tonno e lo sgombro, nelle uova, nel fegato di manzo, nell’olio di fegato di merluzzo e nei formaggi. È presente anche negli alimenti arricchiti come latte, cereali e succo d’arancia.

In presenza di alcune patologie la vitamina D2 si è dimostrata meno efficace nell’aumentare i livelli di vitamina D nel sangue rispetto ad altre forme di questo nutriente, quali la vitamina D3.

Il motivo è che il corpo deve convertire la vitamina D2 in calcidiolo prima che possa essere convertita in calcitriolo e quindi attivata. Questo processo richiede tempo e può non funzionare in modo altrettanto efficace in alcune persone, soprattutto in quelle che soffrono di disturbi digestivi come il morbo di Crohn o la colite.

Vista la scarsa disponibilità di vitamina D negli alimenti e le difficoltà che presentano alcune persone nel sintetizzare questo nutriente, l’assunzione di integratori con D2 e D3 è efficace nel colmare le carenze.

Gli integratori di vitamina D2 in commercio sono tutti di derivazione vegetale, mentre la vitamina D3 è di derivazione animale. Quindi dovete fare attenzione al momento dell’acquisto di integratori con D2 e D3.

Posologia integratori di vitamina D?

Seguire la corretta posologia degli integratori di vitamina D è fondamentale per assumere la giusta quantità vitamina D, indispensabile al corpo per funzionare correttamente. Le dosi e i tempi di somministrazione dipendono da una serie di fattori, tra cui:

  • età;
  • esposizione al sole;
  • peso corporeo;
  • stato di salute generale;
  • presenza di patologie;
  • pelle più chiara o più scura.

La quantità di vitamina D presente negli integratori può essere misurata in microgrammi o unità internazionali, che corrispondono a 1 mcg = 40 UI, e sono generalmente riportate entrambi sulla confezione. La dose giornaliera limite per la formulazione di integratori alimentari in Italia, che non richiedono quindi ricetta medica, è pari a 50 mcg (2000 UI).

Una dose giornaliera compresa tra 1.000 UI (unità internazionali) e 2.000 UI si è dimostrata efficace nel migliorare la salute delle ossa e nel ridurre i fattori di rischio di malattie croniche come l’ipertensione.

Se seguite la giusta posologia degli integratori di vitamina D, non c’è differenza nell’efficacia delle vitamine D2 e D3. È importante assumere l’integratore subito dopo uno dei pasti principali (pranzo o cena), in quanto la presenza di grasso è necessaria per l’assorbimento a livello intestinale. Se assunta a stomaco vuoto, la maggior parte della vitamina D viene espulsa con le feci.

A meno di specifiche esigenze, non è consigliabile acquistare integratori alimentari di vitamina D contenenti anche altre vitamine o minerali.

In caso di una presenza accertata di carenza di questo nutriente, per una corretta posologia degli integratori di vitamina D è sempre bene rivolgersi al proprio medico curante che saprà consigliarvi in base alla vostra situazione personale.

PRODOTTI SCELTI PER TE
Oppure cerca il prodotto che fa per te
TI è PIACIUTO L’ARTICOLO? Condividilo
FARMAEUROPE S.R.L. - via Molina di Gora, 4 51100 Pistoia - P.iva 02027570478
Copyright 2021 FARMAEUROPE S.R.L. - Tutti i diritti riservati